HollyFiction-France Cinema Page

HollyFiction Page

Source Photo fotografinapoli.com

Le cinema français

Source Photo linternaute.com

 

Edith Piaf – La Vie En Rose (EDITH PIAF-Immortal “Little Sparrow” of France)

Best Audio Qualitiy: 48.000 kHz, 256 kBit/sec. (like ALL my uploads)

YoutubeVideo Uploaded Claudine Shim September 9/2010

Youtube Video Le Quai de brumes.1938

A marvelously moody thriller, Marcel Carné’s newly restored classic of ‘poetic realism’ gave Jean Gabin one of his most memorably iconic roles as an army deserter on the run.

Uploaded  May, 1,2012

Jean Renoir

La bète humain

Source Photo filmtv.fr

About Jean Renoir

Source photo 1worldfilms.com

note italienne

Jean Renoir, artista e regista interamente  francese, anche nella sua breve ma significativa esperienza americana ad   Hollywood, nato a Parigi nel secolo XIX e  figlio  del famoso pittore impressionista Auguste Renoir, il regista che ha lanciato Jean Gabin, attore super nazionale che può trovare in John Wayne  un suo equivalente americano, Renoir come John Ford furono due registi fortemente popolari, epici, e nel caso di Renoir molto poetici che hanno intensamente contribuito a scrivere la storia del cinema, in quanto a Renoir forse scriverla è stato meno difficile perché nato a Parigi la città che ha fatto nascere il cinema  come arte, come macchina delle meraviglie e dei sogni e come nuovo documento della storia e del sociale. E Renoir nasce da una famiglia   borghese che di quell’ era, l’ era del naturalismo in letteratura e del realismo, del socialismo, della belle  epoque, l’era dei Zola, dei Maupassant, dei Victor Hugo, delle meraviglie tecnologiche e scientifiche ha saputo darne una meravigliosa testimonianza nei quadri impressionistici oggi presenti in molti musei del mondo.

Figlio del pittore impressionista parigino Auguste Renoir , nasce e da bambino vive a Parigi. A Montmartre, il quartiere latino degli artisti, del padre porta l’ attenzione alla vita sociale e alle scene urbane. Scopre e si appassiona al cinema, a Charlie Chaplin e al regista Von Stroheim di cui diverrà amico.  E’ attratto come il padre dalle piccole storie borghesi e proletarie, dal  dramma e dalla poeticità che esse spesso esprimono. Inizia a realizzare film muti che non hanno successo. Poi con l’ avvento del sonoro, scrive e realizza le sue prime storie a lungometraggio. Sono anni oscuri per  l’ Europa sebbene Parigi continui ad essere una città molto vitale. Renoir ha simpatia per la sinistra socialista e si iscrive al Fronte Popolare. Il regista porta i segni del padre nelle sue scelte, ed è attratto dal realismo socialisteggiante e dal naturalismo fotografico e cinematografico. Il cinema sta uscendo dal muto, ma ancora non conosce i colori. La sua simpatia socialista lo porta alla denuncia sociale, ma la sua vocazione poetica lo porta per il lirismo e il dramma. Realizza il film per cui viene ricordato La Grande Illusione con Gabin e von Stroheim, poi La marsigliese. Si tratta  di film  epici lirici, poi la commedia Le regole del Gioco. Ma il nazifascismo incalza, e Renoir parte per gli Stati Unito, Hollywood dove cerca di impiantarsi  e dove realizza altre sue opere, come Il diario di una cameriera. America lo apre di più alla commedia e al puro divertimento, e tornato in Francia realizza La Carrozza d’oro, French Can Can e Eliana e gli uomini. Interessante è Il testamento del mostro, una riscrittura di Jekyll  e Hyde. Ritorna in America a muore a Los Angeles,  Beverly Hills.

 

 

One Response

  1. Auto Electrician
    Auto Electrician 16 novembre 2014 at 04:18 | | Reply

    I know thus web site provides quality depending articles
    and other information, is there any other web site which offers such data in quality?

Leave a Reply